Canzone Gente Ivana Spagna Scaricare

Canzone Gente Ivana Spagna Scaricare canzone gente ivana spagna

Intendiamoci, le canzoni europee — e quindi anche italiane — sono sempre feste cantano anche Þú og ég og jól, ispirata a Gente come noi di Ivana Spagna. Gente Come Noi testo canzone cantato da Ivana Spagna: Quante volte si dicono parole che vorresti subito cancellare e nascono barriere che non. Basi Karaoke Ivana Spagna Mp3 Karaoke: su Songservice trovi tutte le basi di Ivana Tutte le canzoni per Ivana Spagna su Song Service: Gente Come Noi. MIDI Ivana Spagna. Midi Ivana Spagna In questo sito troverai i midi files da scaricare di queste due canzoni: E io penso a te, e Gente come noi. Ivana Spagna. Gente come noi è un brano musicale interpretato dalla cantante italiana Ivana Spagna, pubblicato come Il brano è uno dei più noti fra quelli cantati in italiano dall'artista veronese ed è stato scritto da più autori: per la musica è stato composto dalla stessa Spagna Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile.

Nome: canzone gente ivana spagna
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 18.55 MB

È conosciuta negli Stati Uniti e in Italia anche come Spagna. La gavetta di Spagna ha inizio negli anni '70 quando fu scelta dall'etichetta Ricordi per incidere la prima versione italiana del successo Mamy Blue.

Troppo giovane e spaventata decide di non continuare la carriera e la canzone sarà lasciata ad altri cantanti come Johnny Dorelli, Dalida ed i Pop Tops che la portano al successo. Contemporaneamente firma moltissimi successi legati alla dance italiana. Il successo e il vero inizio della carriera arriva nel quando Ivana, usando solo il suo cognome come nome d'arte, quindi "Spagna", autoproduce per sé stessa due canzoni in inglese dal timbro dance: sono Easy Lady e Jealousy, che è il B-side del 45 giri.

MIDI Ivana Spagna

Volevano sentire il timbro della mia voce. L'approvazione doveva arrivare sia dalla Disney che dall'autore, Elton John.

Confesso che ero molto emozionata. Il secondo provino l'ho fatto in italiano e l'emozione si stava trasformando in paura. Figuriamoci: era il sogno della mia vita E' stata in assoluto l'emozione più forte di tutta la mia carriera Inizialmente volevo tornarmene subito a casa perché ero demoralizzata: non vedevo mai apparire il mio nome tra i favoriti elencati dalla stampa, mentre ricevevo un gran consenso da parte della gente.

Quando il pubblico ha votato e mi hanno comunicato che ero arrivata terza, avevo davanti agli occhi mia madre che a casa pregava per me, mio padre al quale avrei fatto un regalo bellissimo, anche se non è più qui, mio fratello dietro al palco che viveva quell'esperienza con un'ansia incredibile Insomma l'emozione ha preso il sopravvento! Innanzitutto non mi sarei mai sognata di arrivare terza lo speravo ma non ci credevo C'era mia madre a casa che era già malata di tumore e lei non lo sapeva ma io lo sapevo, c'era mio papà che era già in alto invece ed era il premio più grande anche per lui perché lui mi portava quando avevo 10 anni ai concorsini con tutti i sacrifici di una famiglia che non aveva una lira; dietro al palco c'era mio fratello col quale avevamo scritto la canzone Ecco per me quello era Intervista con Ivana Spagna 1.

Cosa rappresentano per lei questi dati? Non crede che, proprio in Italia, il suo nome sia, soprattutto negli ultimi tempi, troppo spesso dimenticato?

Karaoke, Panorama Della Canzone Italiana (Irene Grandi, Ivan Graziani, Ivana Spagna), Volume 20

Si sente protetta, in termini di promozione e di fiducia, dall'industria discografica italiana? Sicuramente rappresentano per me un qualcosa di stupendo che è successo e che non mi aspettavo neanche.

Quindi, con l'industria discografica italiana, c'è stato sempre un rapporto difficile. Ma quella era la mia passione, la mia realtà, venivo dalle discoteche, e per fortuna c'è stata la gente che ha fatto la differenza e, quindi, è andata bene ma è sempre stato proprio come ha detto lei.

Come è nato, da Valeggio sul Mincio provincia di Verona , il suo amore per questo genere di musica?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Come dicevo, è nata cominciando a suonare nelle discoteche sia in Italia che in Svizzera e allora andavano Donna Summer, Barry White, Cull and Gang e noi suonavamo solo queste canzoni perché facevamo far ballare la gente e per me era un divertimento unico.

A metà degli anni '90, in seguito, alla realizzazione della verisone italiana di "Circle of life" di Elton John per la colonna sonora del film d'animazione "Il re leone".

Lei si riavvicina alla musica italiana. Ed anche in questo caso vi sarà successo di critica oltre che commericale. In seguito, poi, alternerà le due sue dimensioni artistiche. Non crede che questa alternanza ha potuto incidere, di volta in volta, su di un determinato taget di utenti? Come ha deciso di virare sulla musica italiana?

E di tornare al primo amore? No, io non ho scelto di cambiare.

Oh no, there's been an error

Io non volevo cantare in italiano perché non mi sentivo pronta a cantare nella mia lingua avendo sempre cantato in inglese: avevo paura. Mentre adesso, per la prima volta ho seguito la mia voglia e non il destino volendo tornare alla mia vera passione ovvero la dance. Chi sono i suoi miti? Chi ascolta oggi?

Cosa pensa della situazione attuale della nostra musica? Oggi ascolto sempre brani nuovi, che funzionano oggi anche se non ricordo i nomi degli artisti. Poi, in casa, amo ascoltare musica classica e la mia preferita da me e dai miei gatti è Puccini: mette un'atmosfera in casa straordinaria.

Ascolto diversi generi e devo dire che anche la musica italiana negli ultimi tempi sta lanciando degli ottimi prodotti e dei bravissimi artisti.

Restando al suo repertorio italiano. Qual è il brano che ama di più? Quale quello, invece, che crede andrebbe riscoperto? E quale, infine, quello di un suo collega, che le sarebbe piaciuto realizzare? Da rivalutare ce ne sarebbero due "You are my energy" e "Matter of time".

Il brano di un altro, invece, che avrei voluto scrivere è "You are so beautifull" di Joe Cocker: mi fa morire ogni volta che la sento