Cud 2015 Agenzia Entrate Scarica

Cud 2015 Agenzia Entrate Scarica cud 2015 agenzia entrate

Cu (Certificazione Unica) In questa sezione, che puoi navigare utilizzando il menu di navigazione, sono contenute le informazioni relative a "Cu. Portale Agenzia Entrate. Apri menu principale. Seguici su: Facebook · Twitter · Linkedin · You tube · RSS. Cerca nel sito: Cerca. CUD - Integrazione Finanziaria Modello CUD - pdf (attenzione: per la scelta del 5 e 8 per mille utilizzare la scheda approvata con Provvedimento del. Modello e istruzioni Dal (in riferimento ai redditi erogati nel ) i sostituti d'imposta fino al riportati nel Cud, sia altri redditi (per esempio di lavoro autonomo e "redditi​.

Nome: cud 2015 agenzia entrate
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 70.77 MB

Cenni storici[ modifica modifica wikitesto ] Fu introdotto col nome di CUD certificato unico dipendente dall'art. Prima della sua introduzione i redditi erano certificati con il modello , per i lavoratori dipendenti, e con il modello , per i pensionati. A partire dal ha cambiato nome in certificazione unica e include anche redditi da lavoro autonomo o redditi diversi.

A differenza del modello , nel CU sono certificati anche i dati previdenziali relativi agli imponibili previdenziali, i contributi trattenuti ai fini della pensione.

Esso riepiloga i redditi corrisposti dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico nell'arco di un anno solare. Al modello sono allegate le schede per il versamento eventuale, a discrezione del contribuente relative al cinque per mille e all' otto per mille. È necessario per effettuare la denuncia dei redditi con il modello o il modello unificato compensativo.

Quello che meno si comprende è l'inclusione dei professionisti e degli agenti e rappresentanti di commercio che, in quanto titolari di partita Iva, non sono fra i soggetti ammessi alla dichiarazione con il La sezione o loro dedicata richiede, fra gli altri dati, il totale delle somme corrisposte, l'importo non soggetto a ritenuta, le spese rimborsate, l'imponibile e le ritenute di anni precedenti, i contributi previdenziali sia a carico del sostituto che del sostituito.

Per quanto riguarda i percettori di redditi di lavoro dipendente, una sezione è riservata al credito di 80 euro per i dipendenti il cui reddito non supera i 26mila euro. Dovranno essere indicati i dati relativi al credito spettante, a quello che ha trovato capienza nell'imposta, il credito rimborsato, quello non riconosciuto e l'eventuale importo del credito recuperato dal sostituto in quanto non spettante.

Anche le somme erogate per la produttività del lavoro trovano spazio in una sezione che richiede il totale erogato, le ritenute operate e sospese e l'indicazione dell'eventuale opzione per la tassazione ordinaria in luogo di quella sostitutiva del 10 per cento. Il frontespizio del Cu si arricchisce di una tabella che include tutti i dati che sono serviti per l'attribuzione delle detrazioni per i familiari a carico.

Vi debbono essere indicate tutte quelle informazioni che comportano il riconoscimento di particolari benefici, quali la presenza di un figlio con disabilità, il primo figlio che sostituisce il coniuge mancante, i figli minori di tre anni, la percentuale di detrazione spettante per le famiglie numerose.

Mentre la mancata consegna della certificazione al percettore entro il 28 febbraio non dava luogo all'addebito di sanzioni purché non impedisse a quest'ultimo l'espletamento dei suoi doveri di contribuente, per ogni Cu non trasmessa, tardiva o errata è comminata la sanzione di euro, evitabile solo se in caso di errori la nuova certificazione è trasmessa entro cinque giorni dalla scadenza del termine.

Per i familiari a carico il Cu si arricchisce di una tabella che include tutti i dati che sono serviti per l'attribuzione delle relative detrazioni. In questa guida vedremo come reperire le vecchie dichiarazioni dei redditi.

Prima di capire come consultare i propri vecchi è utile sapere per quanto tempo la copia cartacea vada conservata. Una dichiarazione dei redditi va custodita per il periodo oltre il quale un potenziale credito cade in prescrizione. I vanno quindi conservati per questo termine.

Ci si entra o con le credenziali apposite quelle ad esempio utilizzate per la presentazione del online o con la propria identità SPID. Se si compilano i come dichiarazione piuttosto che modello unico bisogna cliccare sulla voce "modello ".