Scarica Spese Veterinario

Scarica Spese Veterinario  spese veterinario

Detrazione spese veterinarie, ecco le istruzioni per compilare il per l'anno , l'importo detraibile al 19% ed il limite massimo di spesa. Lo Stato prevede delle detrazioni sulle spese veterinarie sostenute da tutti i proprietari di animali domestici (legalmente detenuti). Qual'è la detrazione delle spese veterinarie nella dichiarazione dei redditi . scontrino e non mi ha mai chiesto se volevo scaricare le spese. Spese veterinarie. Quando il nostro animale da compagnia si ammala, le cure possono essere molto dispendiose. Se però superi i ,11 euro di spese in un. Sapevi che le spese del veterinario si possono scaricare dalle tasse? Ecco a chi spettano le agevolazioni fiscali e come calcolare la.

Nome: spese veterinario
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 26.56 MB

Share on LinkedIn Per molti di noi gli animali sono dei veri e propri membri della famiglia, al pari di un fratello o un figlio. Vogliamo solo il meglio per loro e non ci tiriamo indietro quando si tratta di prevenzione e cure mediche nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Proprio per questo lo Stato ha previsto delle agevolazioni detrazioni spese veterinarie per tutti coloro che possiedono un animale, permettendo al contribuente di detrarre le spese veterinarie sostenute.

Vediamo meglio insieme di cosa si tratta e come fare! Detrazioni spese veterinarie: ecco i requisiti I requisiti per poter richiedere la detrazione spese veterinarie sono in realtà pochi, ma spesso non presi in considerazione. Cosa significa questo? Quali sono i limiti di questa agevolazione?

Franchigia minima e importo massimo

Chi segue le domande lo avrà capito che chi scrive è Valerio, veterinario di Cani. La risposta, una volta tanto è buona, ed è si. Non solo si possono detrarre, entro un certo limite, ma sono anche separate, cioè non si accumulano, alle spese per la salute umana: questo significa che se avete affrontato delle spese per la salute del cane, e le avete affrontate per forza, avrete un certo grado di respiro sulle tasse.

Comunque, risparmiare 70 euro di tasse non è che fa schifo a nessuno, per cui vale la pena portare le ricevute del vostro veterinario dal commercialista o comunque tenerle, se utilizzate il precompilato per poter usufruire di questa agevolazione. Affinchè la spesa sia detraibile, devi conservare: le fatture e le ricevute emesse dal veterinario, nelle quali deve essere riportato il tuo codice fiscale; gli scontrini dei farmaci ad uso veterinario, sui quali sia riportato il tuo codice fiscale.

Purtroppo, i farmaci ad uso umano che vengono prescritti in assenza di quelli relativi per animali, non possono essere detratti; gli scontrini degli antiparassitari. Quindi ad esempio Frontline, Advocate o altri, possono essere scaricati, purchè sia riportato il tuo codice fiscale.

Non è prevista la possibilità di detrarre le spese veterinarie sostenute dal familiare fiscalmente a carico. Chiarito che le spese veterinarie sono detraibili, vediamo come le spese veterinarie si possono scaricare sul Dal la platea di soggetti obbligati alla trasmissione telematica dei dati relativi alle spese sanitarie dei contribuenti si è ampliata.

Ma cosa accade per le spese veterinarie? La normativa sanitaria veterinaria prevede che i grossisti di farmaci veterinari possono vendere medicinali per animali da compagnia, agli utilizzatori finali senza che siano ulteriormente autorizzati ai sensi dell'art. Tali spese sono comunicate da farmacie, parafarmacie e veterinari.

Per usufruire della detraibilità delle spese veterinarie non è più necessario conservare la prescrizione ricetta del veterinario, ma sarà sufficiente conservare lo scontrino parlante che dimostra la spesa sostenuta. Inoltre viene chiarito che non è rilevante il luogo in cui tali medicinali sono acquistati.

Le spese per medicinali di tipo veterinario sono detraibili anche se i medicinali non sono acquistati in farmacia e quindi acquistati ad esempio al supermercato, purché si tratti di strutture autorizzate dal ministro della salute.

Qualora dallo scontrino parlante dovesse risultate un bene non considerato come farmaco, la spesa relativa a tale acquisto non è detraibile.

Indipendentemente da quanti animali si posseggano, il limite di detraibilità è unico e relativo alle spese sostenute per la cura di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o per la pratica sportiva.